Nasco a Bologna il 19 luglio del 1982 e trascorro tutta la vita a San Lazzaro.

Frequento la Materna Canova, la scuola primaria Pezzani e le medie Rodari. A 14 anni approdo al Liceo Classico Galvani e comincio a vivere Bologna, innamorandomene, per poi proseguire gli studi di giurisprudenza all’Università.

Mi laureo con lode presentando una tesi in diritto penale, svolgo due anni di praticantato e conseguo immediatamente il Titolo di Avvocato presso la Corte d’Appello di Bologna.

Durante il mio percorso di studi ho la possibilità di effettuare viaggi di studio all’estero che mi consentono di approfondire le mie conoscenze giuridiche e linguistiche.

Parlo e scrivo in Portoghese, Inglese e Spagnolo, per tale ragione durante l’Università ho svolto periodicamente attività di interprete in Fiere e convegni e di traduttrice di contratti, prevalentemente in lingua Portoghese.

Dopo avere superato l’esame di Stato nel 2010, ho aperto il mio studio legale insieme ad altri due colleghi che proseguono l’attività che io ho dovuto sospendere a fronte dell’impegno totalizzante di Amministratore Pubblico.

Continuo a pagare l’affitto del mio Studio e ad approfondire temi giuridici legati al diritto pubblico, urbanistico e societario poiché tornerò a lavorare non appena si concluderà l’esperienza di Sindaco.

Sono membro del Direttivo Nazionale di Legambiente, poiché trovo di primaria importanza i temi legati alla salvaguardia del Pianeta, consapevole della minaccia che il nostro modello di sviluppo rappresenta per la sopravvivenza dell’ecosistema.

Mi sono sempre battuta per il bene comune, ho anteposto sempre l’interesse pubblico a qualunque cosa, per un profondo senso di giustizia sociale e per un fortissimo spirito di servizio verso la mia comunità e il mio Paese.

Prima di fare il Sindaco avevo molte passioni e interessi: la musica, la lettura, il viaggio, la poesia, la fotografia e danza. Negli ultimi 5 anni ho dedicato tutta me stessa alla missione di Sindaco, con entusiasmo e dedizione, missione che ha assorbito tutto il resto ma che ha rappresentato un vero acceleratore di vita. Esco da questo primo mandato decisamente diversa, più consapevole, più competente, più preparata, più motivata. Tutti questi “più” hanno compensato la fatica, le cause giudiziarie, le notti insonni, le responsabilità enormi.

L’amore per la mia terra e la mia gente è il motore che mi fa sognare ancora, che mi fa progettare ancora, che mi fa candidare per questa avventura, ancora.

Curriculum
casellario